Home > Argomenti vari > Pogrom dei Rom in Italia

Pogrom dei Rom in Italia

30 Novembre 2007

SPECIALE. Dal "pacchetto sicurezza" del 30 ottobre e dal "decreto-legge", espulsione Romeni, del 31 ottobre, la persecuzione dei Rom diventa un ‘pogrom’ nazionale, il peggiore dal 1945: blitz, controlli ed espulsioni dai ‘campi nomadi’, devastazioni di insediamenti abusivi e cacciata degli abitanti, ronde, pattuglie ed aggressioni ai residenti nei ‘campi’.

> DA DOVE NASCE IL "POGROM"
Roma, 30 ottobre. Il Consiglio dei Ministri approva il "pacchetto sicurezza"
Roma, 30 ottobre. Alle 20,30 un Rom Romeno aggredisce e sequestra in campo nomadi di Tor di Quinto Giovanna Reggiani, di 47 anni: viene denunciato da una Rom abitante nello stesso insediamento. La donna, in coma per le ferite, muore due giorni dopo in ospedale.
Roma, 31 ottobre. Il Consiglio dei ministri in riunione straordinaria vara, in serata, un decreto legge con le norme, sulle espulsioni degli stranieri comunitari per motivi di pubblica sicurezza.
- Approvato "pacchetto sicurezza" governativo
Romano Lil, 31 ottobre
Roma, 30 ottobre. Il Consiglio dei Ministri ha approvato il ‘pacchetto sicurezza’ formato da quattro disegni di legge più uno: sicurezza urbana, certezza della pena, istituzione Banca dati del Dna, contrasto alla criminalità organizzata, il falso in bilancio. Il quinto e nuovo ddl, falso in bilancio, è stato aggiunto ai quattro già discussi in precedenza.
I disegni di legge saranno presentati in Parlamento per una rapida approvazione, sennò saranno approvati con decreto legge. Secondo dei sondaggi commissionati a caldo dal governo, le misure registrerebbero l’85% dei consensi.
- Cdm straordinario: Ddl espulsioni diventa decreto
Romano Lil, 31 ottobre
Roma, 31 ottobre – ore 21. Il Consiglio dei ministri in una riunione straordinaria ha varato questa sera un decreto legge con le norme, sulle espulsioni degli stranieri comunitari per motivi di pubblica sicurezza, in precedenza contenute in un disegno di legge del pacchetto sicurezza. In particolare le norme trasferite nel decreto trasferiscono ai prefetti il potere di espulsione.

>>> CRONACHE DI POGROM NAZIONALE di novembre 

- Caccia ai Rom: gara nazionale

Romano Lil, 3 novembre

3 novembre. E’ aperta una gara nazionale di caccia ai Rom (soprattutto Romeni), il popolo dei bambini per l’alta incidenza dei minori. SOMMARIO: Blitz e controlli nei campi nomadi – Prefetti ed espulsioni -Ronde e squadre speciali – Le opinioni di pubblici e privati cittadini. Con un articolo su Milano dove, nonostante il rischio sanitario del campo rom del Triboniano abbia smosso anche gli osservatori dell’ONU, gli assediati sembrano i milanesi, non i Rom.

 

- Caccia ai Rom: rappresaglia italiana

Romano Lil, 3 novembre

3 nov. Sullo sfondo della donna aggredita ed uccisa a Roma da un Romeno, si intensifica la caccia a tutti i Rom: evacuati i baraccati di Tor di Quinto, a Tor Bella Monaca squadristi aggrediscono quattro Rom, le prime espulsioni di Rom Romeni a Milano.

 

- Scene di caccia (ai Rom) in Repubblica Italiana
Romano Lil, 8 novembre

Blitz, devastazione dei ‘campi nomadi’, sgomberi verso altri fuori-luogo, manifestazioni ed istigazione all’odio verso i Rom, espulsioni in Romania: cronaca e notizie da un "pogrom" nazionale. Sommario: 1- Espulsione di cittadini comunitari; 2- Istigazione all’odio razzia-le; 3- Sgombero campi nomadi.

 

- La strage (di Stato) degli innocenti (rom romeni)
Romano Lil,9 novembre

Sicurezza (urbana): in tutta Italia ruspe e polizia spazzano dagli insediamenti cittadini migliaia di persone -e bambini, verso discariche abusive, e meno visibili, di periferia.

Sgomberi e ruspe:  dal 30 ottobre all’8 novembre.

 

- Stato (Italiano) di guerra ai Rom

Romano Lil, 11 novembre

Sicurezza (urbana) e pulizia etnica: in tutta Italia ruspe e polizia spazzano dagli insedia-menti cittadini migliaia di persone -e bambini, verso discariche umane sempre più peri-feriche e meno visibili. Sgomberi di Stato e controlli a tappeto: dal 2 al 10 novembre.

 

- Pogrom dei Rom in Repubblica Italiana
Romano Lil, 4 dicembre
Italian Pogrom. Roma, Milano, Fiumicino, Caserta, Foggia, Alghero, Messina, Ancona Bologna: demolite baraccopoli – per la gente è pericolo rom – sgomberate baracche nel bosco – sgomberati campi nomadi per motivi igienico-sanitari – muore folgorato dalla corrente elettrica in campo rom – fumi inquinanti dai campi nomadi – si dileguano i nomadi – sgomberati i nomadi – controlli a tutto campo.

- Pogrom dei Rom di fine novembre
Romano Lil, 4 dicembre
Pogrom Italia, 21-30 novembre. Un uragano si abbatte sui Rom: baracche distrutte, tende divelte, famiglie e bambini in fuga. Ci si mette anche la Protezione Civile a sgomberare i poveri Rom da baracche non a norma, con stufe pericolose. La Polizia sgombera Rom per motivi igienico-sanitari, senza alternativa abitativa. L’ordinanza di Cittadella che nega la residenza ai poveri Comunitari trova emuli in tutta Italia. Sgomberati Rom anche da terreni privati: il sindaco di Corbetta incita a non vendere ai Rom. Allontanate da Rimini roulottes di Gitani Spagnoli e Francesi.

"Novembre nero" per i Rom d’Italia
Romano Lil, 5 dicembre
Novembre Nero – Pogrom, per i Rom d’Italia: la più grave persecuzione istituzionale dal 1945 ad oggi, causata ed alimentata dal Governo Prodi.

> POGROM
Pogrom è un termine storico di derivazione russa con cui vengono indicate le sommosse popolari antisemite e le successive devastazioni avvenute soprattutto al tempo degli Zar di Russia. Più in generale, con pogrom si intendono le azioni violente contro la proprietà e la vita di appartenenti a minoranze politiche, etniche o religiose.      

> C’E’ CHI DICE NO

- C’è chi dice Rom…

Romano Lil, 4 novembre

… E giustizia sociale – non criminale – a partire dagli esclusi ed emarginati. INTERVENTI di: Marco Revelli – don Oreste Benzi – Dario Fo – Mercedes Frias, lettera al Ministro Amato – Stefano Rodotà – Massimo Dalema – Paolo Beni. Per cercare di ridurre il clima di rancore e di emotività irrazionale, di neutralizzare i veleni indotti anche dalla "politica", per una effettiva "sicurezza" che sia di tutti e non a scapito degli altri.

- Rom anch’io: mobilitazione nazionale per i diritti Rom
Romano Lil, 13 novembre 2007
10 dicembre 2007. Rom anch’io: mobilitazione nazionale per i diritti di cittadinanza delle popolazioni Rom. Una proposta della Redazione di Romano Lil, circolare telematica dell’Opera Nomadi, rivolta a tutte le associazioni, gruppi, persone, comunità, che vogliano trovarsi sotto un’unica bandiera, a rivendicare una sola "umanità", nello spirito, e nella ricorrenza, della Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo.
- Governo Prodi denunciato per discriminazione razziale
Romano Lil, 3 dicembre 2007
La Redazione di Romano Lil denuncia all’UNAR (Ufficio Nazionale Anti-discriminazioni Raz-ziali) il Governo Prodi, per discriminazione razziale ed incitamento all’odio razziale nei confronti del popolo rom, a seguito del decreto-legge 1 novembre 2007 sull’espulsione di cittadini comunitari.

Categorie:Argomenti vari Tag:
  1. aurelio
    20 Dicembre 2007 a 21:44 | #1

    io voglio tanto bene ai zingari di strada dell’aeroporto23525 via germagnano10 e quelli che abitano nelle case popolari io ho miei amici bosnaici abitano via scialoj28 sono bravi lei si chiama sabrina mujkic figlia tanja solumanovic e marito fabio solumovic 2 bambini e bambina loro arrivano dalla guerra ex jugoslavia e mostar e bosnia-erzegovina .

I commenti sono chiusi.